Tango Bond: TFA Roma, 12 maggio 2010

arbitrato internazionale promosso dalla T.F.A. - Dal testo dell'ICSID che le banche hanno fatto firmare ai 170 mila investitori emerge che:
a) la revoca del mandato non lo estingue senza giusta causa
(attenzione, perché l'aver cambiato idea sul tipo di azione da
intraprendere non costituisce giusta causa...);

Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Tango Bond: TFA Roma, 12 maggio 2010

Messaggio da rolieg » mar mag 18, 2010 2:35 pm

Tango Bond: TFA, pronta la nota informativa sull’offerta di
scambio
Sarà disponibile domani direttamente sul sito www.tfargentina.it. Ai ricorrenti presso il
tribunale ICSID sarà direttamente inviata a casa una comunicazione riservata sul ricorso
arbitrale.
Il Consiglio della TFA ha predisposto apposita nota informativa sull’offerta di scambio presentata
sui mercati finanziari dalla Repubblica Argentina.
In considerazione della complessità dell’offerta, che è rivolta anche ai 180.000 obbligazionisti che
hanno conferito mandato per il ricorso presso il Tribunale arbitrale ICSID, la TFA ha deciso di
predisporre due distinte comunicazioni.
La prima, destinata a tutti gli obbligazionisti indistintamente, sarà disponibile sul sito internet della
TFA (www.tfargentina.it) a partire dal 13 maggio 2010.
La seconda, destinata ai ricorrenti ICSID e contenente informazioni sul ricorso arbitrale, sarà
direttamente inviata ai suddetti ricorrenti.
Sull’offerta il Presidente della TFA, Nicola Stock, invita gli obbligazionisti a “leggere attentamente
sia il prospetto dell’OPS e le relative avvertenze sia la nota informativa della TFA prima di
prendere qualsiasi decisione”. Per coloro che partecipano all’arbitrato, Stock invita inoltre a
“leggere con attenzione quanto sarà loro direttamente comunicato da parte dei propri consulenti
legali che seguono l’ICSID”.
La decisione di aderire all’OPS o di continuare con l’arbitrato rappresenta un momento di scelta
importante per l’investitore che è rimasto coinvolto nel default dell’Argentina. “E’ quindi necessario
identificare bene quali sono tutte le opzioni possibili per adottare una decisione ragionata e non
affrettata” afferma Stock, e continua “abbiamo voluto informare gli obbligazionisti che ci hanno
conferito mandato sulle opzioni che sono a loro disposizione in maniera oggettiva e trasparente,
sulla base anche degli impegni assunti con tutti i 180.000 obbligazionisti che hanno sempre avuto
fiducia nel nostro operato”.
L’offerta terminerà il 7 giugno prossimo (salvo proroga da parte dell’Argentina).
Maggiori informazioni sull’offerta saranno fornite agli obbligazionisti dalla propria banca.
* * *
Gli investitori italiani partecipanti possono ottenere informazioni sull’arbitrato
inoltrando una richiesta di informazioni a info@tfargentina.it, ovvero consultando il sito
internet www.tfargentina.it. Ogni investitore che revoca la propria partecipazione ai
procedimenti nei confronti dell’Argentina sopra descritti rinuncia ai benefici che
potrebbero derivare dall’arbitrato ICSID.
Roma, 12 maggio 2010
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

AGGIORNAMENTO SUI RECENTI SVILUPPI

Messaggio da rolieg » mar mag 18, 2010 2:36 pm

AGGIORNAMENTO SUI RECENTI SVILUPPI NELL’ARBITRATO ICSID.
Il 3 maggio 2010 la Repubblica Argentina, dopo l’approvazione del documento d’offerta da parte della Consob, ha annunciato un’offerta di scambio estesa all’Italia.
La TFA sottolinea che rientra nella discrezionalità di ciascun obbligazionista la decisione in ordine all’accettazione o meno dell’offerta argentina. Gli obbligazionisti italiani dovranno esaminare, con la massima cura, i termini e le modalità di offerta di scambio. A tale scopo il prospetto dell’offerta può essere “visitato” nella sua interezza sul sito della TFA. Gli obbligazionisti potranno inoltre esaminare la valutazione dell’offerta che sarà inviata dalla TFA.
La scelta degli obbligazionisti italiani che partecipano all’arbitrato contro l’Argentina, condotto sotto gli auspici della Banca Mondiale, può essere effettuata tenendo presente lo stato del procedimento ICSID n. ARB/07/5 intitolato Giovanna a Beccara and others v. Argentine Republic. Facendo seguito ai precedenti aggiornamenti della TFA, i consulenti legali degli attori, sentita la stessa TFA, hanno fornito una sintesi dello stato attuale della procedura arbitrale ICSID.
Attuale stato dell’Arbitrato ICSID
Così come è stato precedentemente comunicato l’arbitrato è nella c.d. “fase giurisdizionale”. Il 14 aprile 2010, il Tribunale Arbitrale ha chiuso l’importante udienza svoltasi in Washington DC presso il CENTRO INTERNAZIONALE PER LA RISOLUZIONE DEI CONFLITTI SUGLI INVESTIMENTI (ICSID) della Banca Mondiale. L’udienza, protrattasi per sette giorni, ha visto la partecipazione di vari soggetti fra testi, consulenti ed esperti legali.
Alla fine dell’udienza il Tribunale ha concesso alle parti di predisporre una memoria conclusionale sugli argomenti principali e sulle testimonianze rese nel corso dell’udienza. Tali memorie dovranno essere depositate entro la data del 14 giugno 2010. Dopo tale data il collegio arbitrale dovrà emettere il lodo sulla giurisdizione.
Fasi della Procedura Arbitrale
Il 14 settembre 2006 gli investitori, attraverso i propri legali, hanno depositato presso l’ICSID la request for arbitration. La Segreteria Generale dell’ICSID ha rigettato le opposizioni avanzate alla registrazione avanzate dall’Argentina ed ha registrato la request for arbitration il 7 febbraio 2007. La Segreteria ICSID ha registrato l’arbitrato al n. 5/07, sotto la denominazione “Giovanna a Beccara e altri c. la Repubblica Argentina”. Il collegio arbitrale si è insediato il 6 febbraio 2008, a seguito del rigetto di numerose eccezioni avanzate dall’Argentina.
Durante la fase giurisdizionale gli arbitri valutano la propria competenza a decidere della controversia. Tale fase è stata interrotta a causa della malattia terminale del presidente del collegio arbitrale - annunciata nel giugno 2009, immediatamente prima della data prevista per l’udienza sulla giurisdizione - e del tempo necessario per la sua sostituzione. Nel corso della fase giurisdizionale, gli obbligazionisti e l’Argentina hanno depositato due memorie e numerosi allegati. Successivamente, si è svolta a Washington, dal 7 al 14 aprile 2010, di fronte alla corte arbitrale dell'ICSID, l'udienza conclusiva della fase giurisdizionale.
La decisione del collegio arbitrale è attesa a seguito del deposito, il prossimo 14 giugno, di una memoria riassuntiva delle prove raccolte e delle tesi difensive espresse in udienza. Si può ritenere che il lodo sulla giurisdizione possa essere emesso entro la fine del 2010 (ciò ovviamente dipenderà dal tempo che il collegio impiegherà per decidere).
1
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti