ARGENTINA STATO SOVRANO

Area news
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

ARGENTINA STATO SOVRANO

Messaggio da rolieg » gio dic 01, 2005 8:38 am

L'Argentina è Stato Sovrano che ha emesso un prospetto informativo chiaro e ben strutturato.Appurato che i destinatari dei bond argentini erano "soggetti in grado di sostenere l'elevato rischio dell'investimento in breve unità di tempo", e che nelle offering è precisato anche che i bond non sono destinati al piccolo risparmio, è evidente che il vizio del contratto è da rinvenirsi nella collocazione stessa delle obbligazioni, operata dalle banche ITALIANE e NON dall'Argentina.
_________________
rolieg[/b]
Ultima modifica di rolieg il gio nov 20, 2008 4:17 pm, modificato 1 volta in totale.
rolieg

castore
Messaggi: 6
Iscritto il: sab gen 28, 2006 3:43 pm

Messaggio da castore » sab gen 28, 2006 4:43 pm

Non mi pare questo l'approccio giusto al problema.
Esiste giuridicamente un debitore ,uno che detto in soldoni si è preso i quattrini e non vuole piu' restituirti nulla ,uno che ha pagato pronta cassa
al FMI circa 10 miliardi di dollari .e ad altri briciole o nulla
Non vedo perche' l'onere di pagare debba essere riversato sulle banche ma in ultima analisi sull'italia ,sui contribuenti italiani.
Noi dobbiamo promuovere un'azione diplomatica ferma decisa in ogni sede perche' l'argentina faccia quello che ha fatto la Telecom Argentina,Metrogas , Citta' di Buenos Aires ,Banco Hypotecario ecc ecce. e cioe' una ristrutturazione equa rimborsando l'intero capitale sia pure ad interessi ridotti e scadenze scaglionate nel tempo.
Cerchiamo di non essere masochisti e stupidi intentando cause alle Banche che hanno scarsa probabilita' di essere accolte e che servono solo ad ingrassare avvocati .
N.B alcune cause possono essere giustificate ,ma solo alcune e limitate .
I titoli circolavano liberamente sui mercati ufficiali di tutto il mondo compreso il nostro MOT e non mi pare che l'argentina abbia mai avuto a dolersene.
Alcune emissioni erano di tagli da 1000 euro o 1000 dollari non certo adatte ad investitori istituzionali .
Questa storiella mi sembra un bell'escamotage per non pagare .
Cosi' non paga l'argentina e non pagano le banche e i gabbati sono i risparmiatori .
L'Argentina deve pagare ,puo' pagare e il governo italiano deve boicottare qualunque apertura del FMI ,della banca Mondiale o del G8 nei confronti di quei ladri .

roger37
Messaggi: 3
Iscritto il: sab gen 28, 2006 9:15 pm

Re: FORSE "QUALCUNO" IGNORA CHE.....

Messaggio da roger37 » sab gen 28, 2006 9:41 pm

rolieg ha scritto:L'Argentina è Stato Sovrano che ha emesso un prospetto informativo chiaro e ben strutturato.Appurato che i destinatari dei bond argentini erano "soggetti in grado di sostenere l'elevato rischio dell'investimento in breve unità di tempo", e che nelle offering è precisato anche che i bond non sono destinati al piccolo risparmio, è evidente che il vizio del contratto è da rinvenirsi nella collocazione stessa delle obbligazioni, operata dalle banche ITALIANE e NON dall'Argentina.
_
FORSE VOLEVI DIRE CHE L'argentina è STATO LADRONE!_Non andrete molto lontano se queste sono le vostre idee su i ladroni argentini, per avere il mio voto voglio sentire altri discorsi!_______________
rolieg[/b]

roger37
Messaggi: 3
Iscritto il: sab gen 28, 2006 9:15 pm

Re: FORSE "QUALCUNO" IGNORA CHE.....

Messaggio da roger37 » sab gen 28, 2006 11:45 pm

rolieg ha scritto:L'Argentina è Stato Sovrano che ha emesso un prospetto informativo chiaro e ben strutturato.Appurato che i destinatari dei bond argentini erano "soggetti in grado di sostenere l'elevato rischio dell'investimento in breve unità di tempo", e che nelle offering è precisato anche che i bond non sono destinati al piccolo risparmio, è evidente che il vizio del contratto è da rinvenirsi nella collocazione stessa delle obbligazioni, operata dalle banche ITALIANE e NON dall'Argentina.
_________________
rolieg[/b]


Allora i ladroni sapevano già che non avrebbero pagato ed hanno scritto le offering in un certo modo per mettersi con le spalle al muro?
Se è così sono due volte ladri!
E ancora i bond destinati ai grandi investiori in "tagli" da mille euro?
Perchè non pagano i bond in mano ai grandi investitori?
Shitner piccolo usuraio svizzero si è vantato di aver accolto a braccia aperte gli emigranti italiani!
Lui era di un'altra elite, quella che ha si accolto a braccia aperte i crimanili nazistti.
E il parlamento argntino che accoglie con una ovazione da stadio l'annuncio che i debiti non saranno pagati.
Questi lercioni pezzenti alla Maradona la devono pagare, noi siamo sul fiume ad aspettare il passaggio dei loro cadaveri:

avv.giovanniorlando
Messaggi: 1
Iscritto il: lun lug 23, 2007 3:46 pm

Messaggio da avv.giovanniorlando » lun lug 23, 2007 4:06 pm

Concordo con rolieg, c'è un'evidente responsabilità dei collocatori. Saluti a tutti.

ted
Messaggi: 14
Iscritto il: gio nov 02, 2006 2:28 pm

Messaggio da ted » mer lug 25, 2007 10:42 am

EN UN INFORME OFICIAL

EE.UU. presiona por los bonistas

Ana Baron WASHINGTON. CORRESPONSAL
abaron@clarin.com

http://www.clarin.com/diario/2007/0...ais/p-01602.htm
Funcionarios del gobierno de Estados Unidos dijeron ayer que el problema de los bonistas que quedaron fuera del canje y la demandas realizadas por compañías extranjeras contra la Argentina, son legados de la crisis económica que el Gobierno todavía tiene que resolver ya que tienen un impacto negativo sobre el clima de las inversiones.

Si bien funcionarios del Departamento de Tesoro insisten en privado en las reuniones con sus pares argentinos sobre estos dos puntos, es la primera vez que el problema de los bonistas aparece en un informe oficial,

El informe, "Backgroundnotes", juzga la relación bilateral de "positiva". Elogia la colaboración antiterrorista y la no proliferación nuclear, pero recuerda "los 20.000 millones de dólares en default y los 6.000 millones de dólares que se deben a acreedores oficiales incluyendo al gobierno de EE.UU.", léase el Club de París

El informe menciona, muy diplomáticamente, a analistas que consideran que será difícil mantener el ritmo de crecimiento económico debido a las restricciones en la capacidad productiva, la necesidad de sustanciales inversiones nuevas en la infraestructura; a potenciales problemas de energía por el alto crecimiento económico y a que los precios están por debajo de los niveles del mercado internacional. También a la inflación, 9,8 % en 2006, y al enfoque heterodoxo para contenerla, que incluye la presión sobre el sector privado para controlar los precios.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite