Chávez all’attacco di Parmalat e Nestlé

articoli, filmati, news ,ecc sui diversi default.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Chávez all’attacco di Parmalat e Nestlé

Messaggio da rolieg » gio feb 14, 2008 4:22 pm

Il frenetico attivismo del presidente del Venezuela, Hugo Chavez, ha preso di mira un altro settore produttivo del Paese sudamericano, e questa volta a farne le spese potrebbe non essere un colosso petrolifero, ma l´italiana Parmalat. Dopo gli espropri e le nazionalizzazioni effettuate nello scorso anno nei settori dell´energia e del petrolio, questa volta il liquido interessato ha il colore candido del latte e gli strali di Chavez vanno a coinvolgere gli interessi di multinazionali come l´azienda di Collecchio o la Nestlè, presenti in forze in Venezuela.



Il presidente venezuelano ha infatti minacciato l´espoprio degli impianti di lavorazione dei prodotti lattiero-caseari delle due società per difendere i produttori locali, marginalizzati o esclusi dalla produzione dal dominio dei due colossi esteri. Dalla tribuna del suo intervento-fiume settimanale, Chavez ha indicato Parmalat e Nestlè come le responsabili delle difficoltà di approvigionamento di latte da parte dei produttori locali, invitando il governo in carica a intervenire, secondo il dettato costituzionale, con l´esproprio degli impianti. "Queste società - ha detto Chavez - si impossessano del latte privandone stabilimenti statali e cooperative con pressioni e meccanismi economici".



Non sorprende la reazione negativa del titolo in Borsa. Il mercato punisce i titoli Parmalat con un ribasso superiore ai due punti percentuali a 2,4375 dopo un minimo di giornata a 2,4225. La società guidata da Enrico Bondi ha una presenza rilevante in America Latina e in Venezuela, da cui proviene circa il 5% del fatturato complessivo. Pesano però anche i realizzi dopo il balzo di venerdì quando il titolo aveva messo a segno un +5% in scia ai risultati preliminari.


Venerdì Parmalat ha infatti reso noto in via preliminare un margine operativo lordo per il 2007 di 367,1 milioni di euro, nonostante un rincaro della materia prima latte che secondo la stessa società sarebbe superiore ai 150 milioni di euro. Per Parmalat Spa invece il 2007 è previsto chiudersi con un utile netto compreso tra 545 e 550 milioni di euro. Il fatturato netto consolidato secondo i numeri preliminari presenterà un incremento rispetto all´esercizio precedente di circa il 9,1% senza considerare l´effetto cambio e del 6,3% includendo quest´ultimo.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Processo Parmalat, rischio affossamento »

Messaggio da rolieg » gio feb 14, 2008 4:23 pm

Vittorio Feltri lo aveva detto con qualche anno di anticipo, sulle colonne del quotidiano "Libero", che il processo Parmalat sarebbe stato una grande farsa. Sono passati quasi 4 anni da quel grido d'allarme e i fatti sembrano dargli ragione. Il processo sul crack Parmalat che inizierà il 14 marzo a Parma, infatti, è a rischio affossamento e non solo per la "sporcacciata" dell'indulto, firmata dal governo Prodi, che di fatto ha azzerato i reati commessi da molti dei principali protagonisti dell'azienda di Collecchio. Ma soprattutto perchè all'apertura del dibattimento i legali degli imputati chiederanno la nomina dei loro periti di parte e questo comporterà un ulteriore slittamento del processo. (12/02/2008)

Il motivo? Basti pensare che la Guardia di Finanza, per compiere tutte le operazioni peritali, ha impiegato quasi un anno. Considerando che i periti di parte non dispongono degli strumenti delle Fiamme gialle, i tempi delle loro "indagini" potrebbero aggirarsi intorno ai due anni e questo tutto a discapito del processo parmigiano. Senza dimenticare che prima di arrivare al terzo grado di giudizio bisognerà aspettare almeno un decennio.
Il rischio affossamento, dunque, è realtà. Una realtà vergognosa per un intero Paese e per il suo sistema politico che risulta coinvolto a vario titolo nel crack della Parmalat di Calisto Tanzi. Una delle più grandi truffe del secolo, insomma, rischia di cadere nell'oblio, per la felicità di politici e "maghi" dell'alta finanza.

Antonio Boellis
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite