PARMALAT 754 milioni dalle transizioni

articoli, filmati, news ,ecc sui diversi default.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

PARMALAT 754 milioni dalle transizioni

Messaggio da rolieg » mar feb 12, 2008 7:59 am

Parmalat ha chiuso 112007 con ricavi in crescita del 6,3% a 3,86 miliardi di euro e disponibilità finanziarie per 857 milioni, contro il passivo di 170 milioni del 2006. Ciò è stato possibile grazie anche alla cessione di attività non strategiche per 247,8 milioni e alle entrate derivanti dalle transazioni con gli istituti di credito per 754 milioni. L'utile atteso per la capogruppo, grazie alle transazioni con le banche, è compreso tra 545 e 550 milioni di euro, a fronte dei 125,6 milioni del 2006.1150% dell' utile della spa, ha spiegato la società nella conferente ca11, verrà distribuito agli azionisti, dopo averne accantonato 115%. La disponibilità finanziaria nettaa della spa è pari a 1.23 miliardi. II margine operativo lordo è cresciuto del 5,6% a 367,1 milioni, «nonostante il rincaro della materia prima latte di oltre 150 milioni di euro», come si legge nel comunicato stampa emesso dal gruppo alla fine del cda, con una redditività sul fatturato passata dal 9,6% a19,5%. II miglioramento è tra le altre cose riconducibile, ha spiegato Parmalat,
all'aggressiva politica dei prezzi di vendita per recuperare l'incremento di costo della materia prima, al cambio del mix dei prodotti a favore di quelli ad alto valore aggiunto, ad azioni di efficientamento
industriale e operativo e a iniziative in campo commerciale. Considerando solo l'Italia, i ricavi si sono attestati a 1.147,5 milioni, in rialzo del 13% (+3,7% a perimetro omogeneo) e stato di 116,9 milioni, in aumento di 11,1 milioni. Il gruppo ha efrutta e del latte funzionale, che hanno evidenziato un trend in crescita in tutti i mesi dell'anno. Per quanto concerne gli altri paesi, in Nord America il fatturato è arrivato a quota 1,4 miliardi, in salita dell' 1,4% (+4,5% a cambi costanti) e l'ebitda si è attestato a 136,4 milioni, in aumento del 10,8% (14,2% a cambi costanti). Nonostante l'effetto cambio negativo, i risultati sono stati conseguiti grazie al miglioramento del mix di vendita, alle iniziative di marketing, al nuovo packaging e all'ottimizzazione dei processi operativi. In Australia i ricavi consolidati sono ammontati a 441,5 milioni, in crescita del 5,6% e il mol è stato pari a 37,4 milioni (39,5 nel 2006). In Africa il fatturato è stato di 354 milioni, in crescita del 3% (+17,1% a cambi costanti), con un margine operativo lordo a 40,4 milioni, in aumento dell' 1,4%. Sul fronte giudiziale, si è chiusa ieri con la richiesta di non luogo a procedere presentata dalla difesa di Fausto Tonna la penultima udienza preliminare a Parma del processo Eurolat. II processo vede imputati tra gli altri Calisto Tanzi, il presidente di Capitalia, Cesare Geronzi e l'ex patron della Cirio Sergio Cragnotti. Il processo è stato aggiornato a127 marzo, quando il gup Roberto Spanò si pronuncerà sulla richieste di patteggiamento e sugli eventuali rinvii a giudizio.
Anche l'avvocato di Geronzi, Ennio Amodio, ha chiesto il non luogo a
procedere per il banchiere, accusato dalla procura di aver esercitato pressioni su Tanzi per indurlo ad acquistare Eurolat da Cragnotti, all'epoca molto esposto con Banca di Roma. Amodio ha sostenuto che tali accuse sono infondate perché Eurolat è stata oggetto di una trattativa serrata tra le due parti.
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite