Promotori, Banca Network: entro venti giorni lo sblocco.

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Promotori, Banca Network: entro venti giorni lo sblocco.

Messaggio da rolieg » ven lug 20, 2012 8:33 am

Promotori, Banca Network: entro venti giorni lo sblocco dei conti .

Secondo quanto risulta a BLUERATING da una fonte vicina al dossier, la Banca d’Italia ha nominato i liquidatori...


TRA POCO I CORRENTISTI POTRANNO STARE TRANQUILLI - Finalmente qualcosa si muove per i correntisti di Banca Network, che potranno rimettere mano sui loro soldi nel giro di 20 giorni. Secondo quanto risulta a BLUERATING stando a una fonte vicina al dossier, la Banca d’Italia ha nominato i liquidatori - Roberto Pincione e il professor Giuseppe Santoni - per avviare lo sblocco dei conti dei clienti, congelati dall’inizio di giugno su decisione di Banca d’Italia.

AL MASSIMO 20 GIORNI - “La liquidazione non è altro che un’azione propedeutica allo sblocco dei conti correnti, che avverrà non oltre i prossimi 20 giorni” ha detto una fonte molto vicina al dossier. Prima, quindi, del termine ultimo indicato per legge al 31 di agosto. "Il Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) che interviene per i conti correnti di Banca network bloccati dal 31 maggio", continua la fonte, "potrebbe anche prendere in considerazione l'ipotesi di andare a coprire conti superiori a 100 mila euro di ammontare ma, da normativa, non è obbligato a farlo. Lo si deciderà a giorni". Questa mattina, ha riferito un’altra fonte sentita dalla nostra redazione, c’è stata una riunione all’interno dell’isitituto di credito, in cui è stato deciso l'avvio del procedimento. Una notizia confermata dalla stessa banca che, in una nota pubblicata sul suo sito web ha annunciato che "con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 16 luglio 2012, emanato su proposta della Banca d’Italia, Banca Network Investimenti, con sede legale in Milano, già in amministrazione straordinaria e in regime di sospensione dei pagamenti, è stata sottoposta alla procedura di liquidazione coatta amministrativa disciplinata dal Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia" (qui tutti i dettagli sul comunicato).

UNA SOLUZIONE PER I DIPENDENTI - Ma con l’avvio della liquidazione coatta amministrativa, uno spiragliuo si apre anche per i dipendenti: da un lato i 15 ex Banco Popolare potranno far valere, una volta ufficializzata la liquidazione coatta, l’accordo che riconoscerebbe loro un diritto di rientro nella struttura ceduta alla cordata Aviva-DeAgostini-Sopaf. Dall’altro lato l’avvio del procedimento di liquidazione rende possibile l’attivazione del fondo esuberi, previsto dalla legge 223 del 1991, che garantirebbe un accompagnamento di sostegno al reddito per due anni – a stipendio ridotto - oltre al tfr e all’indennità per il mancato preavviso.


rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti