TANGOBOND,APPELLO CIVILE, ARRIVA PERRY MASON

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

TANGOBOND,APPELLO CIVILE, ARRIVA PERRY MASON

Messaggio da rolieg » gio nov 26, 2009 12:33 pm

TANGOBOND,APPELLO CIVILE, ARRIVA PERRY MASON
Articolo a cura di Gualtiero Sans Avoir,
Codice di procedura civile
Titolo II :Del pubblico ministero

art. 69 Azione del pubblico ministero
Il pubblico ministero esercita l'azione civile nei casi stabiliti dalla legge.

art 70:intervento del pubblico ministero

Il pubblico ministero deve intervenire,a pena di nullita’ rilevabile d’ufficio:
comma 5
….Puo’intervenire in ogni altra causa in cui ravvisa il pubblico interesse.

Art. 72 : Poteri del pubblico ministero

Il pubblico ministero che interviene nelle cause che avrebbe potuto proporre ,
ha gli stessi poteri che competono alle parti e li esercita nelle forme che la legge stabilisce per queste ultime.

Negli altri casi di intervento previsti nell’art. 70
tranne che nelle cause davanti alla Corte di Cassazione ,
il pubblico ministero puo’ dedurre documenti , dedurre prove ,prendere conclusioni nei limiti delle domande proposte dalle parti……


Quindi,
nell’ordinamento italiano il Pubblico Ministero può in certi casi esercitare oltre a quella penale anche l'azione civile o,
quantomeno,
intervenire nel processo civile quando è in gioco un interesse pubblico.

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA DI TORINO 12 OTTOBRE 2009
INTERVENTO DEL PUBBLICO MINISTERO IN APPELLO IN DIFESA DEI DOVERI INFORMATIVI A TUTELA DELL’INVESTITORE

Adesso si verifica che , a tutela dell’interesse pubblico,
la Procura Generale Della Repubblica di Torino
ha deciso di scendere in campo disponendo l’intervento del Pubblico Ministero
in un giudizio di merito contro una banca inadempiente ,
dove un investitore di Tangobond si e’ appellato al tribunale di Torino,
impugnando una sentenza di primo grado
di cui non si riteneva completamente soddisfatto.
(VEDI IL CASO.IT- DIRITTO FINANZIARIO E BANCARIO-MERITO)

E’ significativo che,
quando il Pubblico Ministero si appella a sua volta al Collegio dei Giudici di Merito,
mentre chiede la riforma della sentenza di primo grado introduce ,
tra le altre cose ormai affermate in questa novella giurisprudenza,
alcune deduzioni degne di pregio non sempre condivise dai giudici di primo grado:

A) Il comportamento disinformativo insito nella eventuale attivita’ promozionale o sollecitatoria come fattispecie autonomamente censurabile oltre all’obbligo informativo.

B) L’informazione ingannevole , in quanto il titolo ,
ad onta della sua qualifica di obbligazionario ,
comportava il rischio di perdita anche del capitale.

C) Il fatto che lo Stato Emettitore dei bond fosse stato presentato come paese emergente,
ossia in ascesa,
benche’ il suo debito estero fosse aumentato di venti volte in cinque lustri.

D ) La convinzione che l’obbligazione risarcitoria
da illecito contrattuale o extra contrattuale,
ha sempre natura di credito di valore

E) La convinzione che la domanda risarcitoria vada accolta con interessi e rivalutazione del capitale investito ,
a partire dal giorno dei singoli investimenti al saldo effettivo,
come da criteri guida da Cass.Sez. Un. N. 26724/2007
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Intervento del P.M. in appello in difesa

Messaggio da rolieg » mar dic 01, 2009 3:34 pm

Intervento del P.M. in appello in difesa dei doveri informativi a tutela dell’investitore
Procura Generale della Repubblica di Torino 12 ottobre 2009. Intermediazione finanziaria – Doveri informativi dell’intermediario – Violazione – Intervento del pubblico ministero nel procedimento civile.

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/1904.pdf
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti