CLASS ACTION: FORSE E SENZA EFFETTO RETROATTIVO

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

CLASS ACTION: FORSE E SENZA EFFETTO RETROATTIVO

Messaggio da rolieg » gio dic 18, 2008 11:02 am

CLASS ACTION: FORSE E SENZA EFFETTO RETROATTIVO

E’ vergognoso. Dopo vari tira e molla sembra che il Governo attuerà la famosa class action, ma non da gennaio bensì da luglio 2009.
Uno slittamento quindi di altri sei mesi per l’entrata in vigore della disciplina sulle azioni risarcitorie collettive.

La proposta del Governo però prevede che la class action sia attivata soltanto per gli illeciti compiuti a partire dal luglio del 2008. Questo parziale effetto retroattivo perciò esclude che si possano avvalere di essa tutti i risparmiatoti vittime dei default Cirio-Parmalat-Argentina, perché antecedenti al luglio 2008.

Tante le proteste al riguardo: Ugo Martinat sottosegretario allo Sviluppo Economico si dice profondamente insoddisfatto, come del resto lo sono le associazioni dei consumatori che sono state invitate all’incontro tecnico al Ministero dello Sviluppo.

Anche io sono profondamente insoddisfatto in quanto, per l’ennesima volta, A.R.T. Associazione Risparmiatori Tangobond che rappresento, non è stata invitata a partecipare all’incontro nonostante la promessa fattami recentemente dal sottosegretario stesso.
Se prima avevo dei sospetti, da oggi ho una certezza: la class action cozza contro gli interessi del Governo che non perde occasione per schierarsi dalla parte della banche.

Ciò potrebbe anche risultare lecito in tempi normali, se non fosse che i risparmiatori italiani, dopo aver sopportato sulle loro spalle i vari dafault, dovranno accollarsi anche l’onere di salvare le banche, proprio le stesse che hanno riempito le casseforti con titoli spazzatura, che verranno salvate coi finanziamenti dello Stato camuffati da finanziamenti alle imprese”, e che hanno depredato il risparmio italiano per oltre 50miliardi di euro.

Sono stufo di sentire osannare le banche italiane che risulterebbero meno esposte ai recenti default (Lehman,…) per aver operato con la diligenza delle formiche nell’elargire finanziamenti. Peccato che loro siano ingrassate a dismisura lucrando sui costi di gestione e sui risparmi degli italiani, ai quali restituiscono il maltolto solo se obbligati dalla sentenza di un giudice.

Egidio Rolich presidente A.R.T.
Associazione Risparmiatori Tangobond



Ultima modifica di rolieg il gio dic 18, 2008 11:14 am, modificato 1 volta in totale.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Messaggio da rolieg » gio dic 18, 2008 11:03 am

:shock: :shock: :shock:
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti