CONFLITTO D'INTERESSI: Sentenza Trib. Milano

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

CONFLITTO D'INTERESSI: Sentenza Trib. Milano

Messaggio da rolieg » gio nov 27, 2008 6:07 pm

Venerdì 20 Febbraio 2009 - MF
PRIMO PIANO

ITALIA OGGI - SENTENZA CONTRO ISTITUTO MILANESE APRE IL FRONTE DEL CONFLITTO D’ INTERESSE

Banche colpevoli per i bond Cirio
Per il Tribunale di Milano hanno ricoperto nel contempo fino a tre ruoli diversi: finanziatore nei confronti del gruppo, lead manager nel consorzio di collocamento e intermediario nella vendita di alcune emissioni.

DI FEDERICO UNNIA

Svolta nella vicenda dei Bond Cirio. Per il Tribunale di Milano, le banche coinvolte nel loro collocamento, avvenuto a partire dal 2001, rispondono direttamente per conflitto d'interesse. Hanno infatti ricoperto fino a tre ruoli diversi: finanziatore delle linee di credito nei confronti del gruppo, lead manager nel consorzio di collocamento e intermediario finanziario nella vendita di alcune emissioni delle obbligazioni stesse.
L'effetto è pertanto la nullità del contratto di vendita al risparmiatore finale, quale naturale conseguenza dall'accertato inadempimento agli obblighi informativi. Più il risarcimento integrale dell'intera somma investita più interessi legali e spese di causa.
E' questa, in sintesi, la conclusione della sentenza cui è pervenuto il Tribunale di Milano il 9 gennaio 2009 (deposito 14 febbraio) nella causa intentata con successo da due risparmiatori contro una banca italiana coinvolta nella vicenda Cirio.
La causa era stata intentata nel giugno 2005 da due risparmiatori che chiedevano nell'ordine la nullità, l'invalidità e l'inefficacia dell'operazione di investimento in bond Cirio holding Sa 6,25% da loro effettuata per un controvalore di 50.482,44 curo. Partendo dalla ricostruzione dei fatti, il Tribunale civile di Milano (sez. 6° sentenza R.G.: 45058/05) ha evidenziato che la vendita dei titolo, avvenuta nella fase grey market, ha costituito un indubbio vantaggio per l'intermediario che doveva liberarsi della giacenza titoli appena acquistata.
Il gruppo Cirio, già in grave crisi, ricorse ai bond proprio al fine di diminuire la sua esposizione debitoria verso il sistema bancario. Per i giudici il rimedio più corretto è la nullità del contratto d'investimento, naturale conseguenza dell'accertato inadempimento della banca convenuta agli obblighi informativi sul punto del conflitto d'interessi esistente. Inoltre, i giudici milanesi hanno ritenuto irrilevante l'indagine sul nesso causale fra inadempimento e danno.
Con questo innovando rispetto alla precedente giurisprudenza. Infatti, «proprio perché il divieto legale a carico dell'intermediario di compiere operazioni in difetto di informazioni e di successiva autorizzazione del cliente opera sul semplice presupposto della presenza di un interesse in conflitto (situazione) ed indipendentemente dall'incidenza dell'interesse sulla condotta dell'intermediario (azione) o sui termini dell'operazione (risultato dell'azione), deve ritenersi irrilevante accertare il nesso di causalità fra la violazione dell'obbligo di astensione ed il pregiudizio patito dal cliente, consistito nella perdita totale o parziale dell'investimento».
«La sentenza è estremamente innovativa», commenta Daniele Maffeis, avvocato e professore di diritto privato all'Università di Brescia, «perché statuisce per la prima volta che la banca che presta servizi di investimento non deve essere portatrice di alcun interesse nell'operazione e, se lo è, deve astenersi dal compierla. Se non lo fa, e compie l'operazione, la banca risarcisce l'intera perdita patita dal cliente di Brescia, «perché statuisce per la prima volta che la banca che presta servizi di investimento non deve essere portatrice di alcun interesse nell'operazione e, se lo è, deve astenersi dal compierla. Se non lo fa, e compie l'operazione, la banca risarcisce l'intera perdita patita dal cliente, che di norma consiste nel denaro utilizzato per l'acquisto dello strumento su ordine dello stesso cliente».
Ultima modifica di rolieg il lun feb 23, 2009 10:36 am, modificato 4 volte in totale.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Messaggio da rolieg » lun feb 23, 2009 10:37 am

:o :o :o :o :o :o :o
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti