QUI BUENOS AIRES

Area di discussione generale aperta a tutti coloro che sono rimasti vittime dei default finanziari e desiderano apportare la loro testimonianza e il loro contributo.
Rispondi
rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

QUI BUENOS AIRES

Messaggio da rolieg » mar mar 25, 2008 9:22 am

QUI BUENOS AIRES
Buone notizie anche dall’Argentina: il presidente argentino, Cristina Fernandez Kirchner, ha dichiarato di voler rimborsare 6,7 miliardi di dollari di debiti al Club di Parigi, che riunisce i creditori ufficiali del Paese sudamericano, compreso il Governo italiano.
L’annuncio riapre così la possibilità che, nonostante le smentite anche recentissime, il Governo argentino possa riaprire uno spiraglio agli holdout (valore: circa 20 mld $), i possessori di obbligazioni (i cosiddetti tango bond) coinvolti nel default del 2001 e che hanno rifiutato di aderire allo scambio del 2005 e di accettare un taglio del capitale di circa il 70 per cento. Fra questi, oltre 200 mila italiani.
Ultima modifica di rolieg il gio ott 16, 2008 4:59 pm, modificato 6 volte in totale.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Messaggio da rolieg » gio apr 10, 2008 4:16 pm

Tango bond, si apre uno spiraglio? Il Sole 24 Ore scrive che il governo argentino ha deciso di aprire una trattativa per raggiungere un accordo con i creditori del Club di Parigi, che vantano crediti nei confronti dell’Argentina. Tuttavia, il paese sudamericano non sembra disposto a fare concessioni agli obbligazionisti. Focus anche su Alitalia e Parmalat
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Messaggio da rolieg » gio apr 10, 2008 4:17 pm

Tango Bond
Plus, l'inserto del sabato del quotidiano Il Sole 24 Ore, riporta la notizia delle cause vinte da alcuni risparmiatori contro gli istituti di credito, che avevano consigliato agli stessi di acquistare obbligazioni argentine alcuni anni prima del default avvenuto nel 2001. La motivazione di queste sentenze è nella mancata informativa della rischiosità di questi titoli. Lo stesso settimanale riporta le dichiarazioni dell'avvocato di Formia, Angelo Castelli, che ha seguito 120 cause intentate dai risparmiatori contro gli istituti di credito. L'avvocato ricorda di aver vinto gran parte di queste cause in tempi relativamente brevi. Tuttavia, la maggior parte delle banche ha presentato ricorso contro queste sentenze. A questo punto i tempi potrebbero allungarsi per avere le sentenze nel secondo grado di giudizio.
rolieg

rolieg
Site Admin
Messaggi: 2183
Iscritto il: ven mar 25, 2005 4:18 pm

Messaggio da rolieg » gio apr 17, 2008 7:41 am

:roll:
rolieg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti